epilessianetnew

Un punto di incontro per tanti


Non sei connesso Connettiti o registrati

Effetti Collaterali dei farmaci antiepilettici

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 su1]

1 Effetti Collaterali dei farmaci antiepilettici il Ven Nov 21, 2008 11:42 pm

Admin


Admin
Effetti Collaterali Dei Farmaci Antiepilettici

Anche i farmaci antiepilettici, come qualunque altro farmaco, possono indurre effetti collaterali. Il paziente o i suoi familiari devono essere informati dal medico che prescrive la terapia sui possibili effetti indesiderati che la medesima può procurare. Infatti tali effetti devono essere riconosciuti e comunicati al medico al più presto, affinchè possano essere prese le misure necessarie. Si possono avere reazioni di ipersensibilità (allergiche), effetti dose dipendenti ed effetti non dose dipendenti.
Nel caso si presentino reazioni di ipersensibilità (per esempio importanti
eruzioni cutanee) la terapia nella maggior parte dei casi deve essere sospesa. Nel caso di effetti collaterali dose dipendenti sarà invece sufficiente modificare il dosaggio del farmaco. Gli effetti collaterali non dose dipendenti (un esempio è l'ingrossamento delle gengive) devono essere accuratamente valutati caso per caso ma spesso richiedono una modifica della terapia in corso.

Riduzione e sospensione della terapia

Una volta raggiunto il controllo completo delle crisi epilettiche il medico e il paziente possono concordare di tentare di ridurre e/o sospendere la terapia.
I rischi di ricaduta sono molto diversi nelle diverse forme di epilessia:
per esempio l’epilessia a tipo assenza dell'infanzia ha un rischio minimo di ricaduta mentre l’epilessia parziale con crisi parziali motorie ha un rischio elevato. Il medico dovrà discutere con il paziente i rischi di ricaduta in quella specifica forma di epilessia e valutare con il paziente quale impatto potrebbe avere una ricomparsa delle crisi sulla vita del paziente medesimo. La terapia dovrà poi essere scalata molto lentamente con modalità e tempi che dovrà decidere l’epilettologo. Quest'ultimo potrebbe anche consigliare controlli periodici dell'Elettroencefalogramma nel corso della riduzione in quanto una modificazione dell'Elettroencefalogramma potrebbe suggerire di non proseguire nella sospensione della terapia.

Vedere il profilo dell'utente http://epilessianetnew.forumattivo.com

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 su1]

Permesso del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum