epilessianetnew

Un punto di incontro per tanti


Non sei connesso Connettiti o registrati

Microraggi per tagliare l'epilessia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 Microraggi per tagliare l'epilessia il Mar Apr 28, 2009 7:18 pm

E' stato recentemente valutato presso il Sincrotrone di Grenoble (European Synchrotron Radiation Facility, ESRF) un protocollo di ricerca sul trattamento dell'epilessia tramite fasci microscopici di radiazioni. Il protocollo si propone di curare l'epilessia sezionando con precisione microscopica le fibre nervose che ne propagano le scariche tramite fasci di radiazioni spessi 600 micron (poco più di mezzo millimetro). L'equipe sperimentale è guidata da Pantaleo Romanelli, responsabile della Neurochirurgia funzionale dell'Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed di Pozzilli. Il successo di tale esperimento potrebbe aprire una via del tutto nuova per interrompere le crisi epilettiche e desta ottime speranze su tale terapia, che risulta essere non invasiva, permettendo di operare con la scatola cranica chiusa.

fonte: News I.R.C.C.S. Neuromed * 28 aprile 2009


_________________
Mony
Guardatemi male perchè sono diverso, e io riderò di voi..perchè siete tutti uguali!
Vedi il profilo dell'utente
Mony ha scritto:E' stato recentemente valutato presso il Sincrotrone di Grenoble (European Synchrotron Radiation Facility, ESRF) un protocollo di ricerca sul trattamento dell'epilessia tramite fasci microscopici di radiazioni. Il protocollo si propone di curare l'epilessia sezionando con precisione microscopica le fibre nervose che ne propagano le scariche tramite fasci di radiazioni spessi 600 micron (poco più di mezzo millimetro). L'equipe sperimentale è guidata da Pantaleo Romanelli, responsabile della Neurochirurgia funzionale dell'Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed di Pozzilli. Il successo di tale esperimento potrebbe aprire una via del tutto nuova per interrompere le crisi epilettiche e desta ottime speranze su tale terapia, che risulta essere non invasiva, permettendo di operare con la scatola cranica chiusa.

fonte: News I.R.C.C.S. Neuromed * 28 aprile 2009
Mony, interessante, il tagliare le fibre nervose , le quali trasportano "IL PROPAGARSI DELLE SCARICHE" le quali determinano la crisi epilettiche. a scatola cranica chiusa.
Una domanda, mi sorge spontanea... le fibre nervose , le quali trasportano le scariche , le quali determineranno il superamento della soglia epilettogena, determinando a crisi stessa - trasportano altre informazioni alle varie parti del cervello e/o del tutto il corpo ?
Nel caso, di correnti normali , senza il superamento della soglia epilettogena , che danni potranno derivare da questi collegamenti nervosi tagliati?
da quanto ne so, il cervello genera nuovi fasci nervosi, per supplire alle fibre nervose danneggiate.
Premesso ciò , non converebbe, anzi che tagliare i fasci delle fibre nervose (FUSO NEUROMUSCOLARE)? - far in modo , evitando , che tali fasci di fibre nervose, trasportassero correnti elevate, con il controllo dell'individuo e/o di far si che, stimolazioni visive uditive, tattili, e il variare del metabolismo, portino al generare scariche anomali, all'eccesso di correnti- e cercare di disiparle, in modo tale che i muscoli non producano corrente ulterirmente?
Paolo Danuso.



Ultima modifica di paolodanuso il Mer Apr 29, 2009 1:49 pm, modificato 1 volta (Motivazione : mancanza di tempo.)

Vedi il profilo dell'utente http://epilessiavissuta.forumcommunity.net

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum